Il riposo fa parte del lavoro?
📄

Il riposo fa parte del lavoro?

Ultimamente sto incontrando molto spesso questo messaggio

Riposare è parte del lavoro

L’ho visto in alcuni post di LinkedIn, in diversi articoli, in parecchie illustrazioni su Instagram.

E onestamente ogni volta mi infastidisce di più.

Perché quello che ci leggo io è che siccome la nostra performance/produttività/efficienza è comunque la cosa che conta di più, allora per darci il permesso di riposare dobbiamo raccontarci che “il riposo è parte del lavoro” e quindi possiamo concedercelo perché ci renderà più produttivǝ.

E invece no.

Il riposo è parte essenziale della nostra vita, è quello che ci permette di funzionare e di stare bene.

Non dovremmo aver bisogno di giustificarlo o di vederlo in funzione di altro.

Capisco che possa essere una fase di passaggio, cioè quello che comincio a raccontarmi quando sto iniziando a passare dalla performance a tutti costi all’integrazione di momenti di pausa nelle mie giornate e settimane.

È estremamente difficile fare un salto carpiato dalla convinzione che non posso permettermi di riposare a quella che invece il riposo è un mio pieno diritto no matter what.

Perciò ha senso passare prima per “lo sto facendo per lavoro” ed è una cosa che incoraggio nelle mie clienti che ne hanno bisogno perché è l’unico modo per aiutarle a sperimentare quanto fa bene riposarsi e che possono riposarsi. La pratica è fondamentale per riuscire poi a passare all’abitudine.

Ma per me non ha senso che “il riposo è parte del lavoro” passi come messaggio assoluto.

Il riposo ha valore in quanto tale ed è questo il messaggio che dovremmo invece far circolare.

Perché per respingere le convinzioni indotte sulla performance a tutti i costi non basta il lavoro che ogni persona fa su di sé per smontarle, è fondamentale che il messaggio arrivi anche dall’esterno perché sia rafforzato.

Che ne pensi?

Se ti va di dirmi la tua, raggiungimi nei messaggi LinkedIn.