Conosciamoci

Ciao, sono Giada e per un sacco di tempo mi sono costretta a rimanere negli schemi scelti da altri.

Ho cominciato a riprendermi spazio qualche anno fa e non ho nessuna intenzione di tornare a comprimermi.

Perché ho capito che questo spazio per essere me stessa, fare quello che amo e sentirmi gratificata e piena di gioia me lo merito tutto.

image

E te lo meriti anche tu.

Perciò sono qua per aiutarti a mandare a quel paese i condizionamenti sociali, i sensi di colpa, i dovrei, i vorrei ma non posso.

Tu e i tuoi progetti siete importanti: facciamogli spazio!

Fare spazio in maniera creativa mi dà soddisfazione

Mi è sempre piaciuto rimettere in ordine idee, progetti, testi. Prendere un pezzo, spostarlo da un’altra parte, vedere se si incastra. Sentire la luce che si accende quando scopro una strada inaspettata.

Quando anni fa ho cominciato a studiare sistemi e strumenti di produttività personale (per pura passione da Vergine pianificatrice), mi è venuto naturale applicare la mia modalità “smonta e rimonta” anche con questi elementi.

Perché i sistemi e gli strumenti dovevo adattarli a me, a come funziono io, perché fossero davvero efficaci.

Tutto questo smonta, rimonta, organizza, trova incastri migliori, semplifica, oggi lo faccio anche per le persone con cui lavoro. Per aiutarle a fare spazio per quello che per loro conta davvero.

image

L’hai visto The Queen’s Gambit? Hai presente le scene in cui Beth immagina la scacchiera sul soffitto e muove mentalmente i pezzi?

Ecco, io vedo le tue idee, i tuoi obiettivi, la tua settimana, i blocchi di tempo sul calendario, le app che usi, i tuoi impegni.

Poi provo a muoverli per vedere se c’è un modo migliore per te di gestire il lavoro, che ti faccia raggiungere i risultati senza mangiarti le energie, la creatività e il tempo libero.

6 cose su di me

🚶🏻‍♀️In pianura posso camminare per ore ed è uno dei modi migliori che ho per liberare la mente e farla respirare

🙊 A volte (spesso) dico parolacce per sottolineare i concetti, se mi arrabbio o anche solo perché mi viene così

🌲 Ho bisogno di verde a portata di piedi per sentire la connessione con la natura

😃 Mi piace (e mi piace usare) l'umorismo, meglio se British con una punta di black

image

📺 Guardo una montagna di serie tv dal lontano tempo in cui si chiamavano telefilm e a volte faccio confusione e mischio le trame

🤓 Sono una geek, mi sento in grande sintonia con i dispositivi tecnologici e mi piace studiare (ma solo quello che pare a me!)

Domande che forse ti stanno frullando in testa

Cosa hai studiato?

L’elenco dei corsi che ho fatto è lungo e variegato e non ho dubbi che crescerà ancor di più! Qui ti segnalo solo alcuni passaggi della mia formazione, quelli più attinenti al mio mestiere di oggi.

2018-2019 Master in coaching, Accademia della Felicità Milano

120 ore di formazione in aula e 100 ore di tirocinio che mi hanno permesso di imparare e mettere in pratica le basi del coaching.

2019 Science of Self-Acceptance Coaching Masterclass PositivePsychology.com

Masterclass di 4 ore che mi ha dato strumenti pratici per aiutare i miei clienti a costruire una relazione sana con se stessi.

2020 Introduction to Therapeutic and Reflective Writing, Professional Writing Academy Ltd

Corso di 8 settimane sulle tecniche di scrittura come strumento terapeutico e di benessere che mi è stato utile per affinare esercizi di coaching e scoprirne di nuovi.

2020-2021 The Neuroscience of Change, Coaches Rising

Corso di 15 settimane, composto da 16 workshop più sessioni di pratica e Q&A, che mi ha consentito di imparare e mettere in pratica i principi chiave delle neuroscienze applicati al coaching.

dal 2020 Membro di International Coaching Federation Global e Italy

Ho scelto di associarmi ad ICF per continuare a formarmi e a essere sempre aggiornata sul mio settore e perché sposo il codice etico dell’associazione.

Perché fai la coach?

Per 10 anni ho lavorato in comunicazione “tradizionale”. Sono una giornalista professionista, ho collaborato con alcune testate ma principalmente sono stata addetto stampa, responsabile comunicazione et similia.

Nel 2016 sono diventata freelance non per vocazione ma per scappare dall’ultimo ente in cui lavoravo, un ambiente tossico che mi stava mandando in manicomio.

Ho cominciato a fare in autonomia quello che sapevo fare meglio: scrivere e avere a che fare con diavolerie tecnologiche (che a quel tempo erano i social media).

Ho preso curiosità, le competenze che avevo maturato e le relazioni che avevo creato in dieci anni di lavoro e le ho messe nel mio nuovo mestiere: social media manager e web content writer.

Poi un giorno del 2018, durante una sessione di affiancamento per alcuni piccoli commercianti, mi sono resa conto che sentivo un vuoto.

E pensando e ripensando ho capito che non mi sentivo abbastanza utile come avrei voluto.

Quello che desideravo (e desidero ancora) è avere un impatto concreto sulla vita delle persone con cui lavoro. E scrivere i contenuti o gestire loro i social, beh, per me non poteva bastare.

È così che ho trovato la mia strada verso il coaching: un mestiere che mi permette di aiutare le persone a costruire la vita che desiderano, senza mettermi in cattedra, ché il ruolo di insegnante non è proprio il mio.

E ho studiato (120 ore di master e 100 di tirocinio) e continuo a studiare (libri, corsi, workshop) per arricchire me stessa e il mio metodo di lavoro e renderlo ogni giorno più efficace per le persone che seguo.

Oggi scelgo di di stare al fianco — come professionista ma anche come cliente — di attività etiche, coraggiose, umane e sostenibili.⁣

Perché credo che i piccoli business abbiano un ruolo fondamentale nel ritorno a modi, tempi e spazi — online e offline — più lenti, più umani, basati sul calore delle relazioni.⁣

⁣Perché sono grata alla terra che ci ospita e penso sia mio compito tutelare lei e tutti i suoi abitanti, umani e non, soprattutto quelli che non godono di privilegi né di un trattamento equo.

image

Giada Centofanti • P.IVA 01969000668 • Socializziamo: Instagram, LinkedIn